buona notte

 

è pazzesco. ma ogni volta è la stessa storia.

parto e me ne sto benissimo per giorni senza telefono, senza alcun accesso a internet, senza pc nè news senza contatti virtuali nè social network senza shopping online nè report di on-ice senza meteo nè relazioni di vie nuove. senza niente di tutto ciò.

ma magari con buoni amici e qualcosa da fare per riempire il tempo.

poi arriva il giorno fatidico e ritorni alla vita di città. e ancor prima di farti una doccia sto già accendendo il computer. e misteriosamente ne vieni rapito, non riesci piu a staccartene, diventi suo discepolo, suo suddito, suo schiavo. e dopo 3 ore non hai ancora fatto la doccia, nè cenato. ed è già l’una e mezza. eppure tutti i post che hai letto, tutti gli articoli, tutti i video che hai visto e le mail che hai mandato erano assolutamente indispensabili. possibile che per 5 giorni eri stato in giro senza sentirne la mancanza?

eppure ogni volta è la stessa storia. e sono qui a perder tempo. e son quasi le due.

pazzesco.

buona notte.

Precedente san giovanni - spigolo sud Successivo gioielli nascosti