diretta del diamante al pilastro est del corno miller

una linea meravigliosa. saliva dritta dritta alla vetta. precisa e maestosa, là in cima, incuneata in un posto incredibilmente lontano e nascosto. dominava tutta la valle, anzi, la Valle. già, tra le valli adamelliche quanto a quantità e qualità, per noi malati dell’arrampicata su roccia, la val salarno non ha eguali. per bellezza si dice non sia comparabile con la vicina valle adamè, dove anche campeggiano itinerari di grande bellezza e ambiente, ma come quantità e come storia la maiuscola se la guadagna tutta.

WP_20160812_029

sono stato per la prima volta in val salarno che avevo forse compiuto i 18 anni, col socio di sempre e qualche schizzo ricopiato male da atht. quella volta avevamo sbagliato montagna, per quanto non di molto, e fatto dei pezzi di vie diverse. la scarna relazione di asterix e obelix ci portò sui primi tiri di soldato blu (!!), poii violacei spit di gotica ci attirarono verso di lei. tenemmo quella linea fino a capitare sul tiro chiave di dottor goretex, che superai non so come, mettendo il primo chiodo della mia vita, un lametta, sotto un tettino, che dovetti addirittura staffare per raggiungere l’ultimo spit e poi la sosta. dopodichè, a un paio di lunghezze dalla vetta non ci fu modo di convincere il socio, che voleva solo appoggiare i piedi per terra prima possibile, e furono doppie e un ritorno massacrante.
me la ricordavo così, lontanissima dal fondovalle, con questo bel rifugio con al fontana fuori, e un sacco di pareti, che non ci capisci una mazza.
ma soprattutto me la ricordavo affascinante.

WP_20160716_007

così quest’estate, quando un giorno a caso, durante la sessione, mi arriva un messaggio di un numero sconosciuto che mi propone una via in val miller, penso subito che se si vuole andare in zona adamello, o sia valle adamè, dove non sono mai stato, oppure che sia val salarno, dove di roba da fare ce n’è a bizzeffe: il fascicolo, nel cassetto dei progetti, dedicato alla valsalarno è bello gonfio!
mando la mia proposta a filippo, col quale non avevo mai scalato prima, e che a malapena conoscevo di vista: ci eravamo conosciuti probabilemente anni e anni prima da qualche parte in kamunia, forse al kag, unico spazio sociale esistitio in valcamonica negli ultimi 20 anni e ora sgomberato da una schifoso sindaco fascista.
comunque sia il socio è in forma, gli piace un sacco il granito, e soprattutto è un camuno (e questo è importante ;D) e siccome è un camuno la mia proposta colpisce il bersaglio. la linea gli piace un sacco (proàga! :P), e anche l’idea di andare a cercarla, cosa questa non assolutamente scontata, anzi! proprio per questo sottolineavo l’importanza di avere un socio camuno! :D

della via non sappiamo molto: c’è la bella e precisa relazione del rivadossi su atht, e l’unica altra info (scopriremo poi fuorviante) era lo schizzo del rivadossi ricopiato male dagli autori della pessima guida uscita di recente sull’adamello. questa guida sgradava il secondo tiro da VII+ a VII-, oltre che cambiare un po’ il tracciato, cosa che ci ha in primis fatto pensare che qualche ripetitore avesse corretto al relazione originale (cosa che in effetti era strana, però valloasapere!!).
qualche scambio di sms, giusto in tempo per capire che siamo d’accordo sul non dormire al rifugio ma sul dormire in su e in qualche maniera ce la facciamo e una sera partiamo.

ci raccontiamo un po’ cosa facciamo nella vita e a passo svelto in un paio d’ore (che mi ricordavo essere 4!) siamo al rifugio. abbiamo il lusso di sacco a pelo e materassino e dopo qualche ora di sonno partiamo: sveglia presto perchè per le 6 dobbiam oessere giù che il socio deve lavorare! partiamo decisi, alle 7 siamo sotto il seracco: un canale di neve a 50/60° si frappone tra noi e l’attacco della via: io non ho che i ramponcini super leggeri e le scarpe bagnate dall’aquitrino dopo il rifugio, il socio nè l’altra nè l’una: senza picca è assolutamente infattibile! parecchio sconfortati decidiamo di ritirarci e scendendo ci facciamo un ripasso dell’arrampicata di placca adamellica scalando quelle splendide placconate di calcare di granitomachia, via storica della val salarno, che scaliamo, finalmente al sole, in assoluto plaisir.

WP_20160716_005

WP_20160716_011

WP_20160716_003

trotterelliamo giù un po’ mosci senza confidarci i dubbi riguardo la possibilità, questa stessa estate, di riuscire di nuovo a combinare tra impegni, meteo e voglia di fare l’avvicinamento, per provare a tornare e “far brillare il diamante” (cit.).

ma l’aver visto dal vivo sto pilastro affilato e affascianante, oltre che l’avere a che fare tutti i giorni con masse di turisti per lavoro, alimentano non poco la motivazione: da un lato la voglia di ritornare lassù in questi angoli remoti e selvaggi, alla ricerca di quella linea perfetta, diventata ora, per noi, ancor più intrigante; dall’altro l’idea di non voler essere parte della massa di automobili che si incolonna nelle autostrade, inseguendo miraggi e specchietti per le alloddole, che quando si dirigono verso le montagne finiscono per distruggere l’autenticità di realtà tanto più belle quanto fragili e incastonate tra le pieghe orografiche. e allora il desiderio di cercare strade diverse, di rispolverare i progetti nelle nostre montagne, il desiderio di avventura e di riscoperta. e se la voglia c’è, il tempo e il modo si trovano: eccoci pronti per tornare all’attacco.

signorina primavolta
signorina primavolta

decidiamo però, questa volta, di cambiare, ovviamente, strategia: superlight non aveva funzionato? allora andiamo di picca e ramponi e scarponi. si aggrega a noi un altro ragazzo camuno, anche, saremo in tre: zaini più leggeri. loro decidono di dormire al rifugio, io li raggiungerò la notte, dormendo fuori. questo era il piano.
non fosse che, vivendo in accampamento (sto vivendo in tenda da un mesetto ormai a questa parte), la frontale ti serve sempre: a far legna come a lavare i denti, a tagliare le carote come per andare a cercare le birre nella caverna. e le frontali si scaricano. e se finisci di lavorare alle 7 e ti dimentichi di passare al volo a comprare le pile è un casino. così mi ritrovo in macchina, diretto a saviore, e mi ricordo di avere la frontale scarica. merda. due orette di strada nella notte senza frontale non sono troppo allettanti. allora faccio retrofront: dormo a casa lo stesso numero di ore e poi via parto la mattina e su diretti. non posso comunicare con gli altri due che non hanno campo quindi dovrò essere puntuale: ovviamente non lo sono e mi tocca andare su a manetta: arrivo alle 7.04, 4 minuti di ritardo e li trovo che stanno comodamente facendo colazione. perfetto. sono già a pezzi, ma almeno li ho raggiunti.

IMG-20160819-WA0007
saliamo fino al punto raggiunto l’altra volta e troviamo il canale che si è parecchio ritirato (è passato direi quasi un mesetto). riusciamo a salire a piedi un bel pezzo in più, guadando (l’altra volta c’era uno strato di ghiaccio decisamente più consistente) e salendo dall’altro lato rispetto alla cascata del seracco, fino ad essere obbligati a ramponare a 50 metri dall’inizio della via.

saliamocosì l’ultimo pezzo del canalino agnostic dream e vediamo subito un chiodo. perfetto!

WP_20160812_018

tempo di cambiarsi e si decide che parto io. peccato osti, siamo in 3, con 9 tiri e io volevo fare i 3 finali del diamante. va beh, poco male, l’importante è fare la via!

parto a cannone, moschettono il chiodo, quindi non ho molto idea di dove andare: la relazione parla di fessure parallele sopra un tettino per il secondo tiro, mentre il primo va tutto in obliquo a destra. V+. mah! inizio a obliquare e diventa duro. torno giù un pezzretto, metto un chiodo, faccio qualche passo bello tosto: non molla! e non ci si protegge assolutamente: tutte fessure chiuse! continuo a obliquare mettendo alla fine qualcosa come 5 o 6 chiodi, tutti messi in posizioni improponibili e tutti abbastanza, a occhio, non troppo affidabili: male, malissimo. le fessure parallele non si vedono.. bo. di qua mi sa che è sbagliato. calarmi su un chiodo solo di quelli non me la sento, insomma risultato di un ora e mezza di sforzi non trascurabili: mi faccio calare nel canale, lasciando tutto in parete: un inizio disastroso!

però il primo chiodo era lì. e gli altri due, nel frattempo, sembrano aver intravisto quello che sembra un altro chiodo più in alto. vediamo anche chiaramente tutti e 3 un bello spit sotto un tettino, che sarà sicuramente la prima sosta, a una decina di metri dal canale. allora leonardo parte agguerrito verso quella prima sosta che scopriamo essere nient’altro che un lichene a forma di spit..

però la fortuna vuole che quel miraggio sia a poche decine di centimentri dalla sosta vera che, invece, non si poteva vedere da sotto: alla fine ci ero passato a mezzo metro di distanza senza vederla! ok, via trovata, le fessure sono sopra la sosta: parte leonardo e va via convinto: ignorando i ghiaccioli che pendono dalla lama, fiducioso della tenuta dei friend nelle fessure ghiacciate azzera il tettino e inizia a salire, inesorabile. noi in sosta cerchiamo di aiutarlo invano sulla direzione. intanto ha iniziato a nevicare: rabbiolina leggera, che però fa atmosfera: e noi che all’inizio pensavamo di farla in maglietta una via a sudest!

WP_20160812_007

alla fine leo raggiunge un punto dove sosta: niente spit però:abbiamo di nuovo sbagliato via! non senza complicazioni saliamo anche noi: fili va su d’un fiato, io cerco di recuperare qualcosina del materiale lasciato nel mio tentativo sotto, col risultato di rimanere appeso nel vuoto sotto una lama traballante con la corda incastrata in una lama affilata sopra la testa e niente su cui tirarmi se non blocchi mobili sotto al tetto: un situazione tragicomica dalla quale per uscirne necessiterò di una corda calatami dall’alto dagli altri due!

IMG-20160819-WA0005

WP_20160812_009

finalmente arriviamo in sosta e salendo vediamo la strada giusta,la raggiungiamo e qui prendiamo la decisione: anche se è mezzogiorno passato, e abbiamo lasciato 5 chiodi e relativi rinvii in parete, quindi abbiamo non dico dimezzato, ma quasi, il materiale salvavita, proviamo a salire lo stesso e ad arrivare dove arriviamo!

fa ancora un tiro leo, quindi parte fili che macina con classe i successivi tre tiri placcosi e lavorati: l’esperienza su granitomachia aiuta: sono dei bei viaggi sul V/VI senza dentro gran chè: dei 2 o 3 chiodi relazionati, il primo è bomba, ma al secondo salta la testa ribattendolo. comunque due friendini e un po’ di margine e si passa.

WP_20160812_017

arriviamo sotto il diamante: sono parecchio titubante: adesso c’è il tiro duro, potrei quasi fare il cliente fino in cima… però dai cazzo, ho voluto a tutti i costi venire fino a qua, l’ho sognato sto diamante, proviamoci! e allora mi faccio coraggio mi faccio dare tutto il materiale possibile e immaginabile, attacco all’imbrago la staffa comprata nel periodo di dura astinenza in sudamerica e parto. la roccia è spaziale.

le fessure sono belissime e nette e i friend si staffano che è un piacere. anche gli incastri di mano tengono, meno la pelle che si strappa via parecchio in fretta. trovo un punto duro, ma scopro che il muschio nella fessura, schiacciando, la libera e si può mettere roba. vedo la vena di quarzo, trovo un chiodo, ne metto un altro, la raggiungo. la scalo, come fossi sulle uova, anche se sembra solida. l’ultima rimontina: c’è uno spit, ma ho finito i rinvii, lo rinvio con il mosch del friend rosso, alzo i piedi e sono in sosta.
un altro tirello di placchetta solcata da una fessurina e siamo sotto la vetta. sotto la cuspide sommitale. su una bella cengetta.

IMG-20160819-WA0002

 

non vedo l’ora di scalare quelle fessure perfette che solcano quello strapiombetto per poi rimontar fuori. i soci arrivano, ma mi danno una brutta notizia: vogliono scendere da qua: per loro la vetta non ha importanza, è tardi (sono effettivamente le 18), la via la considerano fatta e questo ultimo tirello di VII non vogliono farlo. io invece lo voglio fare, a tutti i costi. considero quasi di scalarlo slegato. alla fine concordiamo che mi faranno sicura e poi mi calerò subito.

IMG-20160819-WA0001

 

parto a manetta su questo tiro, denominato dai primi salitori “atletic dream”. anche qua non esito a staffare un friendino su un passo duro, quindi su ottime fessure raggiungo la crestina: mi ribalto fuori ed eccola: pochi metri mi separano da questa bellissima cuspide: è un vetta vera, a punta, ti ci siedi e sei il re del mondo. o forse solo il re del pilastro est del corno miller. però ti senti un re: davanti a me la distesa del pian di neve, che non avevo mai visto nella mia vita, e lì davanti l’adamello, che ti sembra una montagnetta qualunque e, a guardarlo da qua, non ti fa immaginare i vertiginosi precipizi delle pareti dei suoi versanti nord . incredibile, è fatta! bisogna ancora scendere ma la cima del diamante è stata calpestata!

WP_20160812_021

WP_20160812_023

ok, ora è tempo di scendere: raggiungo gli altri con una doppietta e poi giù: 4 doppie, oltre quella dalla vetta, e siamo al nevaio. l’ultima mi permette anche di recuperare tutto il materiale lasciato nel tentativo storto: recuperiamo tutto e atterriamo precisi precisi sugli zaini.

pian pianino scendiamo la prima parte delicata di avvicinamento, quindi dico agli altri di avviarsi pure se hanno gamba, che io sono a pezzi e me ne scendo con calma: loro arrivano al rifugio con le ultime luci, io trotterellando li raggiungo ormai alla luce della luna. scendendo mi sento proprio parte di questo remoto angolo di selvaggio nel frattempo il tempo si è sistemato e il tramonto che ci regala la Valle è indimenticabile. la luna illumina le pietre sulle quali salto cercando l’equilibrio, le placconate la riflettono creando un’atmosfera magica. un po’ di stretching e birrozza al rifugio, quindi io parto a scendere mentre i soci si fermano un’altra notte: che invidia! ma a me tocca lavorare, e allora giù, alla luce delle luna che illumina i miei passi, parto in un viaggio psichedelico verso il fondovalle: ormai le energie sono esurite e scendo per inerzia, fermandomi ogni tre per due a riposare. ma non mi pesa: la testa è leggera e il sorriso stampato. quando mi fermo mi sdraio a terra, guardo la stellata magnifica e vedo stelle cadenti a manciate: penso ai desideri da esprimere, al futuro e al presente, sto bene, benissimo, mi vien voglia di fermarmi qua tutta la notte (anche per non ricominciare a camminare! :D). mi viene il dubbio che le stelle cadenti offrano solo la possibilità di esprimere desideri: si potrà invece usare una stella per ringraziare?

info tecniche e dettagli sulla via e la logistica.
AVVICINAMENTO: è bello lungo e molto molto bello e vario e impegnativo: si segue un pezzetto i lsentiero per il giannantoni, poi si taglia fuor ia sx come per l’avancorpo del cornetto, quindi si segue il vallone sulla sx orografica fino ad arrivare nella conca sotto il corno miller. noi a questo punto siamo saliti lungamente per pietrai praticamente fino contro la parete di quello che credo sia il corno occidentale. quindi per roccette si sale parecchio, sempre al riparo dal seracco. poi bisogna attraversa: questo è l’unico punto potenzialmente esposto: si traversa in orizzontale a guadare la cascata del ruscello che scende dal bivacco se il canale di neve inziia alto, se no si attacca il canale e si sale diretti. se si attraversa si esce abbastanza dal tiro del seracco e si sale per roccette per la via logica sulla dx orografica del canale fino a che si riesce, quindi si sale nel canale. epr quanto riguarda il seracco a noi è sembrato parecchio tranquillo: probabilmente in questi 20 anni si è abbassato di brutto! comunque resta lì sopra a guardare, ma il canalino agnostic dream a noi è sembrato piuttosto tranquillo. l’ATTACCO della via è facile da trovare (chiodo evidente nelle fessurina obliqua) mentre non è facile capire dove sia la prima sosta perchè non c’è un riferimento chiaro in quella sezione di parete: il deidro sulla sx non è distante e la sosta è nell’evidente fascia di rocce rotte dalla quale parte il tettino solcato dalle fessure parallele: quando l’abbiam fatta noi il primo tiro era lungo meno di una decina di metri ed obliquava veros sx. trovata la prima sosta tutto è in discesa: la relazione del rivadossi è veramente precisa, i chiodi segnati noi li abbiam trovati quasi tutti, a parte un paio che devono essere stati sputati fuori e uno che ci si è rotto nella placchetta del 5o tiro.
DISCESA: molto comoda in doppia: noi abbiamo lasciato qualcosina in tutte le soste che abbiamo usato per calarci: abbiamo usato l’ultima (s9), la s8, la s6 la s4 e la s3. quindi canale e l’avvicinamento a ritroso.
l’attrezzatura in loco sembra ancora in buono stato per quanto riguarda gli spit e i chiodi sono stati da noi tutti ribattuti per benino. (:D)
COMMENTO: una linea eccezionale, scalata sempre interessante nel genere, roccia quasi sempre molto bella. nel complesso un’avventura assolutamente da non mancare, per gli amanti del genere.
RELAZIONE relazione pdf dell’apritore su atht (approfitto per fare i complimenti agli ideatori e gestori del sito per tutto il lavoro!): http://www.adamellothehumantouch.it/VAL%20SALARNO/Val%20Salarno_2_Itinerari/Val%20Salarno_Corno%20Miller_Diretta%20del%20diamante.pdf

Precedente fiori urlanti, strategie: ringo star Successivo viaggio nel mar di calcare della concarena: atlantide